L’offerta saudita di un cessate il fuoco nello Yemen il 22 marzo è stata un riconoscimento da parte di Riyadh e dei suoi sostenitori a Washington di aver perso la guerra. Biden ha segnalato la resa riluttante a febbraio, quando ha annunciato che gli Stati Uniti avrebbero posto fine al loro sostegno alle “operazioni offensive”. Dopo sei anni di bombardamenti e blocchi, le forze Houthi sono pronte a conquistare la strategica città centrale di Marib. Hanno chiesto che gli aggressori – Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Stati Uniti, Regno Unito e Francia – rimuovessero la morsa sul porto di Hodeidah sul Mar Rosso, causa di una catastrofe umanitaria di carestie ed epidemie nel paese, prima di sedersi a parlare.

L’alleanza Houthi avrebbe molto probabilmente conquistato il paese nel 2015, spazzando via il debole governo guidato dal tirapiedi saudita Abdrabbuh Mansur Hadi, se Obama non avesse dato il via libera all’assalto saudita contro di loro. La guerra allo #Yemen è iniziata come parte integrante delle celebrazioni che hanno salutato il principe Mohammed Bin Salman (MBS), giovane, “dinamico” e “modernizzante”, come erede di fatto del Regno. Nel gennaio 2015, il padre ottuagenario e tremante di MBS è salito al trono come re Salman, e MBS è stato nominato ministro della difesa saudita. Obama ha assecondato la voglia di guerra di MBS come un contentino per tenere i sauditi in campo mentre faceva pressioni sull’Iran per accettare l’accordo nucleare degli Stati Uniti. Alla vigilia dell’invasione saudita del 25 marzo 2015, la Casa Bianca ha rilasciato una dichiarazione a sostegno dell’azione militare “per proteggere il governo legittimo dello Yemen” – vale a dire Hadi, che si stava nascondendo a Riyadh, essendo stato estromesso da proteste di massa pochi mesi prima.

A due settimane dall’inizio dell’invasione, Anthony Blinken, allora vice segretario di Stato di Obama, annunciò: “L’Arabia Saudita sta inviando un messaggio forte agli Houthi e ai loro alleati”. Ha aggiunto che gli Stati Uniti stavano accelerando le consegne di armi. Miliardi fluirono verso Boeing, Raytheon, Lockheed Martin, DynCorp e Textron (che fornirono le famigerate bombe a grappolo bandite dall’ONU che i sauditi sganciarono nei quartieri residenziali di Sana’a). La Casa Bianca di Obama segnalò che avrebbe fornito anche supporto logistico e di intelligence, inclusa la selezione degli obiettivi. Gli agenti dell’intelligence britannica erano già stati inviati per assistere gli attacchi con i droni di Obama nello Yemen, identificando obiettivi per i bombardamenti statunitensi che hanno ucciso circa 1.775 persone con il sottile pretesto dell'”antiterrorismo” durante il primo decennio della Guerra al Terrore. Dal 2015, il Regno Unito ha fornito ai sauditi aerei, armi, addestramento e attrezzature aeree, nonché combattenti SAS. Gli Stati Uniti hanno elargito armi ad alta tecnologia e aiuti militari a MBS, con Obama che si è offerto di fornire oltre 115 miliardi di dollari di armi ai sauditi in 42 accordi separati e Trump ha firmato un accordo da 110 miliardi di dollari con il Regno nel 2017.

Il risultato? La peggiore catastrofe umanitaria dall’Iraq. Colera e fame di dimensioni mai viste dal secolo scorso, con circa 20 milioni di persone che soffrono di insicurezza alimentare e 10 milioni a rischio di carestia. Si stima che circa 110.000 siano stati uccisi nei combattimenti, con un bilancio complessivo di 233.000 morti, principalmente a causa di cause indirette come la mancanza di cibo e servizi sanitari. Poche strutture mediche del paese sono funzionanti.

Le vendite di armi del Regno Unito, approvate dall’Alta Corte nel 2017, sono dell’ordine di 5 miliardi di sterline, mentre i suoi aiuti umanitari allo Yemen sono appena stati ridotti di quasi il 60%, a 87 milioni di sterline. In questo contesto, vale la pena ricordare l’osservazione privata di John Major al defunto Sir Martin Gilbert secondo cui, dopo aver tenuto una “conferenza” a un piccolo gruppo di persone in Arabia Saudita, fu sorpreso di trovare i suoi ospiti che gli davano un bellissimo assegno. La maggior parte dei servitori dello stato di sicurezza britannico capisce che questo fa parte del loro pacchetto pensionistico. Rispetto alla generosità saudita, gli onorari di consulenza distribuiti a David Miliband dai suoi clienti pakistani ed emiratini devono essere noccioline. Legami lucrativi di questo tipo aiutano a spiegare il ruolo dei politici britannici nel conflitto.

Per quanto riguarda #MBS, i media occidentali hanno inghiottito la pubblicità saudita, promettendo grandi cose e nuovi inizi. Il Regno stava finalmente facendo passi per diventare uno stato “liberale” con un’economia “diversificata”. Notevoli cheerleader erano David Ignatius del Washington Post e l’eterno apologeta Thomas Friedman del New York Times. Con l’escalation della guerra saudita nello Yemen nel 2016, Ignatius ha esultato: “MBS propone una serie di riforme radicali. Saudi Aramco e altre grandi imprese statali saranno privatizzate; si creeranno cinema, musei e una “città dei media” per una popolazione giovane affamata di divertimento; il potere della polizia religiosa verrebbe ridotto; e, a un certo punto, alle donne verrà permesso di guidare.”
Quando i potenziali oppositori di MBS nella famiglia reale sono stati rimossi da posizioni chiave e posti agli arresti domiciliari (anche se in un hotel a cinque stelle), i media occidentali lo hanno trattato come un peccatuccio locale. “Questo è un uomo con cui fare affari”, hanno tubato i redattori del Financial Times in un editoriale del marzo 2018. L’Economist ha pubblicato annunci patinati per le gare d’appalto per la privatizzazione saudita.
Come sottolineato dallo storico saudita Madawi al-Rasheed (una delle poche voci veramente critiche in esilio) nella London Review of Books, questa accoglienza è stata sostenuta da una campagna di propaganda multimilionaria, gestita in Gran Bretagna da Freud Communications e dalla società di consulenza strategica Consulum.
Prima della visita di MBS a Downing Street nel 2018, i cartelloni pubblicitari a Londra erano tappezzati del suo ritratto, intitolato “Sta portando il cambiamento in Arabia Saudita”. Un ex dipendente di una delle aziende ha detto a un giornalista che rappresentare un cliente come l’Arabia Saudita era come essere un avvocato difensore: “Devi lavorare per togliere il cliente dai guai”. MBS è stato debitamente accolto con il tappeto rosso e ha pranzato con la regina. Come ha osservato al-Rasheed: “Nessuno ha pensato di parlare della sua distruzione dello Yemen o della sua detenzione di nemici politici”.

L’uccisione di Jamal Khashoggi nell’ottobre 2018 ha reso più imbarazzante per MBS e i suoi gangster finanziati dallo stato mantenere questa rotazione positiva. Khashoggi, in precedenza un accanito difensore della famiglia reale saudita, era ostile all’intruso e ha scritto tanto dalla sua piattaforma al Washington Post. Questo era il suo vero crimine per quanto riguardava il “liberalizzatore”. La vittima è stata attirata all’ambasciata saudita a Istanbul, torturata nel tempo libero e segata in segmenti, che sono stati imballati in valigie diplomatiche e rimandati in Arabia Saudita. Tutto questo è stato segretamente registrato dallo stato turco, che ha debitamente consegnato lo snuff-doc agli Stati Uniti dopo aver fatto trapelare i dettagli più grizzly alla stampa. Gli americani hanno atteso fino allo scorso febbraio, quando un rapporto declassificato delle agenzie di intelligence ha concluso che era stato senza dubbio MBS a ordinare il colpo. Biden, Johnson, Macron e Merkel – rapidi nel pareggio quando si tratta di imporre sanzioni sui “diritti umani” agli stati nemici – hanno prontamente accettato di perdonare il criminale saudita, senza imporre conseguenze per le sue azioni.

In che modo l’alleanza Houthi è riuscita a prevalere contro gli stati più potenti del mondo? Gli sciiti zaydi del nord montuoso dello Yemen avevano a lungo svolto un ruolo importante nella regione, combattendo sia gli ottomani che i wahhabiti. (Zayd, il pronipote del genero del Profeta, Ali, aveva guidato una rivolta contro il califfato omayyade nel 740 d.C.) Le tribù Zaydi erano una forza dominante sotto l’imamato sciita che governò il paese per secoli. Dopo la caduta degli ottomani, una monarchia zaydi governò lo Yemen del nord fino al suo rovesciamento da parte della rivoluzione repubblicana del 1962. Sedici anni dopo un generale repubblicano zaydi, Ali Abdullah Saleh, riuscì a imporre una nuova dittatura nel nord. Dopo il 1990, il suo regime riuscì a conquistare lo Yemen meridionale allineato ai sovietici, rafforzato in seguito dalla guerra civile. (Lo Yemen è stato a lungo più popoloso dell’Arabia Saudita, e – sebbene ufficialmente l’Arabia Saudita ora abbia 34 milioni contro i 30 milioni dello Yemen – potrebbe ancora esserlo, se i lavoratori stranieri vengono sottratti dal totale saudita.)

Negli anni ’90, la resistenza degli Zaydi a Saleh è stata guidata da Hussein al Houthi, leader di un piccolo clan nel nord. Radicalizzato dalla Guerra al Terrore degli Stati Uniti e dall’invasione dell’Iraq, il gruppo ha fondato Ansar Allah, o “Sostenitori di Dio”, e si è impegnato in una guerriglia instancabile contro Saleh, che ha criticato come un fantoccio di Washington e Riyadh. Migliaia si sono uniti ai ranghi di Ansar Allah, portando il numero stimato di combattenti da 10.000 a 100.000 entro il 2010. Tuttavia, gli scontri con le forze statali yemenite sono stati per lo più limitati alla provincia montuosa degli Houthi fino all’anno successivo, quando la primavera araba ha trasformato la politica del paese. paesaggio.

Nel 2011, ispirati dalla rivoluzione tunisina, i manifestanti hanno inondato i centri urbani dello Yemen, occupando piazze pubbliche ed edifici statali mentre cantavano le loro richieste di lavoro, reddito e elezioni eque. Questo movimento di massa è riuscito a costringere Saleh a dimettersi dalla carica nel febbraio 2012. Eppure il “governo di transizione” sostitutivo installato dal Consiglio di cooperazione del Golfo era guidato dal vicepresidente di Saleh Hadi, un sunnita sostenuto dai sauditi, ed era pieno di figure del vecchio regime e del Partito islamista Islah. La loro amministrazione corrotta e incompetente non ha fatto nulla per sedare il malcontento diffuso. Hadi si è ulteriormente inimicato le masse aumentando i prezzi del diesel per volere del FMI. Gli Houthi continuarono ad agitarsi contro il governo, espandendo la loro presenza militare in tutto il paese e formando un’alleanza di comodo con il loro ex nemico, il cacciato Saleh.

Sebbene le potenze occidentali abbiano sostenuto il governo di transizione di Hadi, esso non è stato all’altezza di questa nuova partnership. Saleh ha mantenuto alti livelli di sostegno all’interno dei servizi di sicurezza, mentre gli Houthi sono stati in grado di mobilitare le loro vaste milizie per marciare sulla capitale. Tra la fine del 2014 e l’inizio del 2015, le forze Saleh-Houthi hanno preso d’assalto Sana’a, hanno sequestrato edifici politici e militari chiave, hanno formato un consiglio di governo ed hanno esiliato la maggior parte del regime di transizione, incontrando appena un briciolo di resistenza lungo la strada. La struttura di comando decentralizzata degli Houthi ha permesso loro di attirare diversi attori e di stringere collaborazioni con i sunniti che si oppongono al governo centrale. Avrebbero continuato a conquistare l’intero paese se non fosse stato per la campagna di bombardamenti guidata dai sauditi, l’operazione Decisive Storm.

Gli scontri intermittenti tra Riyadh e i ribelli Houthi al confine meridionale dei sauditi erano da tempo antecedenti allo scoppio della guerra. I settari sauditi erano sempre stati determinati a schiacciare gli sciiti houthi, che accusavano di essere staffette iraniane. In effetti, l’addestramento militare degli Houthi è stato il frutto di decenni di lotta contro Saleh, non di qualche sostenitore straniero. Istigando i brutali bombardamenti e la campagna di blocco contro di loro, MBS sperava di affermare la sua autorità nella regione, atteggiarsi a salvatore dello Yemen e impressionare gli israeliani (che consideravano anche gli Houthi come una pedina iraniana). “Liberato” dal controllo di Saleh-Huthi, lo Yemen meridionale si è rapidamente deteriorato in un pantano di milizie in competizione sotto il controllo degli Emirati. Ne seguì uno stallo militare.

Nonostante i continui bombardamenti a grappolo sauditi – mirati a raduni civili, scuole, strutture mediche, infrastrutture chiave e antichi siti del patrimonio – gli Houthi hanno mantenuto le loro roccaforti urbane. Hadi è rimasto presidente solo di nome, vivendo agli arresti domiciliari effettivi a Riyadh. Dopo due anni difficili, l’alleanza degli Houthi con Saleh si è prevedibilmente sciolta. I primi hanno accusato il secondo di cospirazione con i sauditi e gli Emirati, e una serie di scontri sono scoppiati a Sana’a culminati con l’assassinio di Saleh nel dicembre 2017. Da questo punto in poi i suoi lealisti sono stati emarginati, lasciando Ansar Allah come l’unico rivale significativo per la coalizione saudita.

Nonostante le loro carenze, gli Houthi continuano a godere di un sostegno più popolare rispetto alle forze di aggressione guidate dai sauditi per ragioni sia storiche che immediate. Lo Yemen è uno dei paesi più antichi della regione, a differenza dei regni e degli sceiccati istituiti prima dagli inglesi e poi dagli Stati Uniti. Il paese ha una memoria culturale distinta, visibile ovunque nella sua sorprendente architettura islamica delle origini. Gran parte della popolazione vede gli Houthi come gli unici difensori di questa eredità sovrana. Il loro controllo di città come Sana’a, Saada e Taiz – insieme ai governatorati più densamente popolati del paese – si basa su questa percezione profondamente radicata, così come sulla necessità più imminente di resistere al regno wahhabita.

Nel loro sostegno a questa guerra omicida, gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno trovato un servitore volontario nelle Nazioni Unite, che continua a riconoscere il governo di Hadi come legittimo governante dello Yemen nonostante il suo mandato inesistente. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha imposto sanzioni agli Houthi e ai Saleh, ma non alle forze di Hadi o ai loro alleati stranieri. Ha rimosso la coalizione saudita dalla sua lista nera di attori che violano i diritti dei bambini, nonostante centinaia di bambini vengano uccisi ogni anno da attacchi aerei anti-Houthi; ha ammiccato all’ostruzione degli aiuti umanitari da parte dei sauditi; e velocemente hanno approvato risoluzioni che richiedono la resa assoluta degli Houthi come condizione preliminare per qualsiasi dialogo.

MBS ora vorrebbe ottenere attraverso una pace del cimitero ciò che non è riuscito a garantire con una guerra sanguinosa e spietata. I suoi aerei sono stati abbattuti, i droni hanno colpito Riyadh e il suo esercito – progettato per lo spettacolo piuttosto che per la battaglia – ha subito gravi battute d’arresto. Le truppe di terra degli Emirati Arabi Uniti sono state costrette a ritirarsi nel luglio 2019, dopodiché il regime di Abu Dhabi è passato a finanziare una coalizione politica con sede ad Aden.

Sebbene Biden abbia segnalato che gli Stati Uniti porranno fine alle “operazioni offensive”, continueranno a fornire all’Arabia Saudita “armi difensive”, che sembrano servire più o meno allo stesso scopo. La sua amministrazione non ha detto nulla sull’arresto delle operazioni tecniche, logistiche e di intelligence. Secondo tutte le indicazioni, il suo piano è ancora quello di ottenere una resa incondizionata dagli Houthi mantenendo le sue disastrose operazioni di “antiterrorismo” nel paese. Ad oggi, la promessa “ricalibrazione” delle relazioni USA-Arabia Saudita da parte di Biden non si vede da nessuna parte.

Nelle ultime settimane, gli apologeti del Foreign Office e relitti collegati hanno criticato gli Houthi per aver rifiutato le “offerte” saudite di negoziazione. Eppure, come ha sottolineato anche l’Economist , non c’è nulla di nuovo in queste proposte. Sono ripetizioni stantie del passato: invitare Ansar Allah a rinunciare alle sue conquiste militari, arrendersi alla coalizione guidata dai sauditi e trasformare lo Yemen in uno stato vassallo occidentale, senza ricevere nulla in cambio. Come per illustrare la vacuità di questo “piano di cessate il fuoco”, MBS ha deciso di far piovere bombe su diversi siti Houthi poche ore dopo la sua emissione.

Il fatto brutale è che le vite yemenite – come molte altre – sono sacrificabili per senatori statunitensi e parlamentari britannici, che fanno parte di una catena di imperialismo che risale a molti secoli fa. La stessa Gran Bretagna è una satrapia, i primi ministri dalla Thatcher a Johnson poco più che aiutanti della Casa Bianca. Deliziandosi in quello stato, non vorrebbero altro che trascinare lo Yemen nella loro tenda. Finora hanno fallito. I costi di questa impresa sono stati alti per la gente di quel paese assediato, molto più alti dei profitti maturati dalle industrie delle armi. Eppure un’economia permanente degli armamenti richiede due, tre, molte “guerre umanitarie”. Quella in Yemen non sarà l’ultima.

Il principe assassino
di Tariq Ali
02 APRILE 2021 New Left Review