Ho raccolto lamentele di qualche cittadino che preferisce rimanere anonimo (si sa: è bene non inimicarsi il vicesindaco!): <ora che è estate inoltrata, e in edilizia si deve marciare, le operazioni di carico e discarico da quell’area comunale si svolgono anche quando si leva il sole, mentre la gente dorme, o il sabato, quando i turisti vengono a Santomenna per risposare. Inoltre la quantità di materiali sta sovrastando la skyline, e il panorama mozzafiato sulla Valle del Sele, dietro la statua del Gesù, viene più spesso intorbidito da quella che nelle foto ricordo sembra apparire a primo acchito come una discarica edile in pieno centro>.

Così ho chiesto al responsabile del settore p.t.  di poter visionare gli eventuali atti concessori, in qualità di capogruppo di opposizione. Ma mi è stato risposto che avrebbe dovuto documentarsi per verificare se potevo accedere agli atti. Sic! Io ho ribattuto che c’era urgenza, sia per i fatti lamentati dai cittadini riguardo al periodo estivo, sia in considerazione del fatto che trattasi di impresa di famiglia del vicesindaco Di Geronimo (che, peraltro, per mestiere è dirigente di una certa ditta Di Geronimo, ma al comune ha la delega proprio al “PATRIMONIO”). Ma nulla da fare. Così ho presento richiesta di accesso agli atti all’Amministrazione Comunale, tesa a sapere a che titolo l’impresa di famiglia del vicesindaco detiene quell’area, e, in considerazione dello status del vicesindaco, se l’amministrazione intende procedere con un bando di evidenza pubblica.

Leggi il testo della mia interpellanza